Contesto

...
spiritualmente e materialmente
troppo vicino agli antesignani e pionieri della nuova architettura i miei amici sant'elia loos le corbusier gropius sartoris per non saper apprezzare il valore delle loro affermazioni teoriche e costruttive
ho vissuto
anch io con loro
le medesime battaglie e le dure conquiste per il rinnovamento estetico e tecnico delle arti e con loro non posso quindi ammettere un qualsiasi ritorno o compromesso a concezioni ed espressioni superate
se loos nella sua opera fondamentale l’ ornament et crime lanciò per primo 8sono ormai cinquant' anni l' anatema contro l' ornamentale in architettura se sant'elia nel 1914 paragrafo 4° del suo manifesto affermò bisogna abolire il decorativo
la decorazione come qualche cosa di sovrapposto all' architettura è un assurdo soltanto dall' uso e dalla disposizione originale del materiale greggio o nudo o violentemente colorato dipende il valore decorativo dell' architettura futurista se le corbusier nel suo recente libro une maison et un palais ribadisce secondo una logica rigorosa propugnata dai architetti razionalisti l' architettura razionale dovrebbe escludere il concorso delle arti figurative ci sarà facile dedurre che in base a tali affermazioni categoriche non è concepibile una collaborazione fra le arti figurative ...

contenuto in:

Enrico Prampolini (1944)

ARTE POLIMATERICA - vedi testo